Lettera del lunedì – 25 novembre

A tutti i nostri allievi/e,

alle loro famiglie

e ai docenti e formatori

Torino, 25 novembre 2019

Buongiorno!

Questa lettera è in ricordo del nostro caro don Nino, che sabato mattina alle 10.45 è morto a questa vita e si è presentato al Signore, Dio ricco di misericordia e di ogni consolazione. Primo di 8 fratelli e sorelle, il 15 settembre ha compiuto 80 anni, di cui 52 vissuti come sacerdote e 63 come salesiano di Don Bosco.

Nel suo percorso salesiano è stato tre volte all’Agnelli: dal 1969 al 1971, come insegnante, mentre completava gli studi all’Università; la seconda volta per un anno, dall’88 all’89, come coordinatore del biennio e insegnante; e poi è tornato nel 1998 rimanendo in modo stabile come insegnante e assistente.

Non potendo più insegnare, a motivo dell’età, si è dato disponibile a fare portineria ed era lui a fare l’accoglienza al mattino fino alle 8. E a fine giornata salutava gli ultimi rimasti dopo le 17. Tante volte lo avete visto disponibile durante i momenti di confessione, qualche volta lo avete ascoltato proclamare le sue poesie, ma credo sempre lo avete visto con un libro in mano. Amante della montagna, del buon vino e del Cagliari, provava un gran piacere a stare in compagnia, con il suo fare scherzoso e arguto.

Non ha mai avuto particolari problemi di salute, anche se risultava gracile nel fisico e debole nel sistema immunitario. Purtroppo, tornato dall’Inghilterra, dove era andato con i fratelli e le sorelle per celebrare il funerale di Paolo, fratello più giovane, forse provato dal lutto e dalla fatica interiore di quei giorni, lo ha colpito la polmonite, da cui non si è più ripreso. Sono stati 13 giorni di cure e di preghiere. I fratelli, le sorelle e i confratelli salesiani sono profondamente riconoscenti per tutto l’affetto e la vicinanza dimostrati in queste due settimane.

Come recita un epitaffio, «Non ti chiediamo perché ce l’hai tolto (ho qualche dubbio che sia Dio ad avercelo tolto), ma ti ringraziamo perché ce lo hai dato (e di questo sono certo!)». Faccio mie e vi propongo alcune strofe delle poesie che don Nino ha stesso ha composto in occasione del suo onomastico e del suo recente compleanno:

Alle 5 del mattino

un dì nacque un piccolino:

siccome era un bel bambino

fu chiamato Antonino.

 

Poi di casa se ne andò

e salesiano si trovò:

varie case ha girato

e sereno è sempre stato.

Per la terza volta qui all’Agnelli

vive sempre giorni belli

e d’estate, col sorriso,

vola su al Paradiso.

 

E allora, per finire,

come sempre cosa dire:

per la gioia di don Nino

noi brindiamo col buon vino.

Caro don Nino, vivi felice in Paradiso e intercedi per noi, che siamo ancora in cammino.

Don Claudio Belfiore

Direttore

Recent Posts