A tutti i nostri allievi/e,

alle loro famiglie

ai docenti e formatori

Torino, 11 ottobre 2021

Allestiamo un laboratorio… in Pakistan

La settimana scorsa abbiamo dato spazio alla lettera che ci ha inviato il sig. Piero Ramello. Continuiamo a ricordarlo nella preghiera, chiedendo che al più presto gli rinnovino il visto così che possa continuare la sua missione in Pakistan.

Ringraziandolo per la lettera e per l’affetto che ha verso di noi, gli ho scritto che vogliamo aiutarlo nel realizzare un progetto che gli sta a cuore. Ho immaginato che a Lahore, dove adesso si trova, la situazione non sia facile come da noi, e che noi avremmo potuto fare qualcosa per lui.

Conosco Piero da 37 anni, eravamo studenti delle superiori, e so quanto gli costa chiedere per sé. Gli viene più facile e immediato aiutare. Ringraziando il Signore questa volta ha risposto velocemente e ha chiesto. E penso di sapere la ragione: c’è veramente bisogno.

Mi ha scritto del suo desiderio di realizzare il progetto PHYSLAB e chiede la nostra collaborazione. E io sono molto contento di avviare un gemellaggio da scuola a scuola, da centro di formazione professionale a centro di formazione professionale, da casa salesiana a casa salesiana. Poco importa se ci separano più di 7.000 Km. Ancor di più ci separano le possibilità: noi ne abbiamo più di loro, da tanti punti di vista. Per questo sento il dovere di fare qualcosa, di mettere qualcosa di nostro per loro. Lascio la parola a Piero.

«Il progetto fa parte del piano di riqualificazione della scuola salesiana, per mostrare che come cristiani siamo capaci di offrire un servizio di qualità aperto a tutti, senza distinzione di religione. L’obiettivo è migliorare e qualificare il laboratorio di fisica in modo da poter realizzare esperienze didattiche significative, e superare un modello di scuola ancora troppo ancorato alle sole capacità mnemoniche. I beneficiari del progetto sono 120 studenti, ragazzi e ragazze, delle classi superiori e 170 giovani del centro di formazione professionale. L’allestimento prevede l’acquisto di attrezzi e utensili vari, 6 tablet, videoproiettore, stampante multifunzione e strumenti di misurazione. Il costo totale è di 3.591,00 euro».

Io credo che questo progetto sia alla nostra portata. È sufficiente che ognuno di noi metta 5,00 euro e mandiamo a Piero anche più di quanto richiesto, perché so che ha bisogno di una cifra più alta, ma non osa chiederla. Pensiamoci. Organizziamoci. Ma aiutiamolo.

Il direttore

Don Claudio Belfiore

Recent Posts